Nuda proprietà

E’ riferita ad un immobile del quale si acquisisce la proprietà, ma non il diritto di usufrutto, si può quindi vendere il proprio immobile, ma tenendo per sé il diritto di viverci per tutta la vita… Leggi tutto

E’ riferita ad un immobile del quale si acquisisce la proprietà, ma non il diritto di usufrutto, si può quindi vendere il proprio immobile, ma tenendo per sé il diritto di viverci per tutta la vita incassandone subito il capitale.
1244555187197_e-nuda-proprieta-vendesi-300x207
il nudo proprietario è chi ha il diritto di proprietà su un immobile, ma non di utilizzo.
L’ usufruttuario è colui che vende la sua casa vivendoci.

Ecco alcune precisazioni:

1) Chi compra la nuda proprietà acquista un immobile oggi, a un prezzo agevolato, in base a l’età dell’usufruttuario;
2) l’usufrutto è trasferibile ai terzi sempre nei limiti previsti nel contratto della vendita della nuda proprietà, oppure in accordo con il nudo proprietario post-contratto;
3) Il prezzo di vendita, è stabilito dal venditore;
4) L’ usufruttuario è tenuto a preservare il buono stato dell’immobile quindi anche le spese di manutenzione ordinaria dell’abitazione sono a suo carico, mentre le spese straordinarie o strutturali sono a carico del nudo proprietario;
5) Ici, Irpef e Tares sono a carico di chi ha la disponibilità del bene, proprio perché gode di un diritto reale. l’articolo 1008 del codice stabilisce infatti che ” l’usufruttuario è tenuto, per la durata del suo diritto, ai carichi annuali, come le imposte, i canoni, le rendite fondiarie e gli altri pesi che gravano sul reddito.

Vi è infine un’altra possibilità ossia l’usufrutto a tempo dell’immobile del quale si è ceduta la nuda proprietà per un periodo di tempo predeterminato e quindi non legato all’età dell’ usufruttuario .